Niente più carenza di mascherine protettive grazie agli apparecchi di BINDER

Aprile 2020 Fare di necessità virtù

Mascherine asciugate con stufe di essiccazione di BINDER

 

I nosocomi di Offenburg e Kehl del Gruppo Ospedaliero Ortenau, assistono un numero crescente di pazienti affetti da coronavirus. Alcuni provengono anche dalla confinante regione francese dell’Alsazia, duramente colpita dalla pandemia. Per fronteggiare il sempre maggior numero di pazienti, si è provveduto a trasferire personale nelle succitate strutture ospedaliere del Gruppo. In seguito si è tuttavia evidenziata una carenza di mascherine protettive. Per risolvere il problema il Gruppo Ospedaliero ha ordinato seduta stante una stufa di essiccazione a Tuttlingen.

 

I Vigili del Fuoco di Offenburg, che impiegano a loro volta una stufa di essiccazione di BINDER per asciugare le mascherine protettive, hanno suggerito a un dipendente del locale nosocomio di fare lo stesso. Ben presto è stata contattata BINDER GmbH di Tuttlingen, azienda che già svolge un ruolo di rilievo nell’ambito della ricerca sul coronavirus.

 

E così presso il Gruppo Ospedaliero Ortenau viene ora impiegata la stufa di essiccazione “made in Tuttlingen”. Il personale che entra in contatto con pazienti affetti dalla patologia nota sotto il nome di COVID-19 deve indossare le cosiddette mascherine FFP2 o FFP3. Questa tipologia di mascherine è dotata di uno schermo protettivo in materiale sintetico e offre al personale medico un’affidabile protezione contro virus e batteri.

 

Visto che al momento è praticamente impossibile ordinarne di nuove, dopo il loro utilizzo in ospedale devono essere dapprima disinfettate e poi pulite a fondo dentro una lavastoviglie. Il Gruppo Ospedaliero segue ora l’esempio dei Vigili del Fuoco di Offenburg, facendo asciugare le mascherine in una stufa di essiccazione di BINDER. In una sola ora possono essere liberate dall’umidità dalle 30 alle 40 mascherine in contemporanea.

 

Il Gruppo Ospedaliero Ortenau ha così trovato il modo per proteggere il proprio personale, potendo contare al contempo su una sufficiente riserva di mascherine. Di certo in questa fase della pandemia da coronavirus anche molti altri nosocomi in Germania e nel resto del mondo faranno ricorso a tale soluzione di emergenza.

 

>> Alle stufe di essiccazione di BINDER.