Testare batterie in incubatori refrigerati

Dicembre 2019 Testare batterie con successo

I produttori di batterie puntano sugli apparecchi BINDER

 

Le grandi case automobilistiche, come Daimler e Volkswagen, puntano sulle auto elettriche azionate da una batteria. La tendenza si fa sempre più forte e non c’è da meravigliarsi che sempre più aziende costruiscano propri stabilimenti per la produzione di batterie, come ad esempio Volkswagen a Salzgitter.

 

I requisiti che le batterie devono soddisfare sono severi. Devono essere longeve e potenti, nonché in grado di resistere a qualsiasi temperatura. Un piccolo concentrato di forza appunto, che sempre più spesso viene sottoposto a meticolosi controlli negli incubatori refrigerati (KB) di BINDER. La richiesta è grande, visto che il KB è un talento universale, in grado di padroneggiare un intervallo di temperatura compreso tra 5°C e 100 °C, vale a dire un ampio spettro termico. Per le batterie che possono essere causa di pericolo in sede di test, e questo vale nella maggior parte dei casi, si presta il KB con il pacchetto P (Package Performance). È proprio questa la versione più richiesta dei clienti, giacché garantisce una sicurezza completa.

 

Con un camino con serranda di sovrapressione, due staffe sportello e un limitatore di temperatura supplementare andate in ogni caso sul sicuro, indipendentemente da quale tipo di batteria state sottoponendo a test. Testando anche voi le vostre batterie in un apparecchio BINDER, potrete garantire un prodotto di qualità superiore.

 

Siete anche voi interessati a un KB con il pacchetto P?
Allora affidatevi al supporto del reparto BINDER Individual.