Mascherine FFP-2: apparecchi BINDER risolvono il problema

Aprile 2021 Al sicuro dalla pandemia

Mascherine FFP-2: la stufa di essiccazione BINDER risolve il problema

Nel contesto della pandemia da coronavirus le mascherine FFP-2 sono particolarmente ricercate. Grazie al loro filtro, proteggono in modo particolarmente efficace, benché siano solo monouso. Non del tutto, a dire il vero, come ha dimostrato l’Università di Scienze Applicate di Münster. Chi possiede già una stufa di essiccazione/riscaldamento BINDER può ben dirsi fortunato.

 

Già da un paio di settimane le mascherine in tessuto per tutti i giorni non sono più permesse in Germania. Lo standard è ormai rappresentato dalle mascherine chirurgiche e dalle FFP-2, anche se sostituendole ogni giorno i costi incominciano a farsi sentire. La cosa più importante resta però la sicurezza: è ancora garantita se si riutilizza una mascherina di protezione FFP-2?

 

Gli scienziati dell’Università di Scienze Applicate di Münster hanno lavorato proprio su tale aspetto, andando alla caccia di virus e batteri in un laboratorio di massima sicurezza. Che fortuna per gli specialisti e le specialiste potere disporre di un apparecchio BINDER, con cui hanno verificato che dopo 60 minuti a 80 °C la gran parte dei coronavirus vengono annientati. Una grande successo, che può rivelarsi utile proprio per le strutture ospedaliere.

 

Come si potrebbe aiutare anche il consumatore a casa? C’è una soluzione anche qui? In effetti, gli scienziati di Münster propongono di deporre in un luogo asciutto per una settimana la mascherina FFP-2 dopo averla indossata una volta. La stragrande maggioranza dei coronavirus andrebbe così incontro a morte sicura. Val a dire, un consumatore avrebbe bisogno di sette mascherine FFP-2, che potrebbe indossare in alternanza per cinque volte in totale. Si otterrebbe così una copertura per 35 giorni, con una semplice corda stendibiancheria a cui appendere regolarmente le mascherine. Una gran bella soluzione! Per velocizzare il tutto ovviamente basta un apparecchio BINDER, che potete trovare qui