BINDER entra nei Wild Wings

Marzo 2018 il successo unisce

Un’azienda di successo sponsorizza un team di successo

Da BINDER GmbH è scoppiata la febbre da hockey sul ghiaccio. Tuttavia, i Wild Wings erano argomento di discussione tra i collaboratori non solo dalla conquista della medaglia d’argento da parte della nazionale tedesca alle Olimpiadi di Pyeongchang, ma anche prima. Molti di loro hanno addirittura una sciarpa da tifoso, che hanno posizionato sulla propria postazione di lavoro come un piccolo portafortuna.

Anche Peter Michael Binder, socio gerente, dal 1° marzo è orgoglioso di avere una sciarpa da tifoso. L’ex rematore sportivo non si è fatto mica portare la sciarpa nella sua bella azienda; semmai, Peter Michael Binder stesso si è recato nella “fredda” Helios Arena, per vedere i professionisti durante l’allenamento. L’imprenditore è stato subito impressionato dalla velocità, dal dinamismo e dalla passione, ma anche dall’elegante scritta BINDER, visibile di recente tra entrambe le panchine dei giocatori nella Helios Arena. “Sosteniamo i Wild Wings, perché ci sono tante cose che ci uniscono. Trovo bello che la squadra professionista offra una possibilità anche a giocatori più giovani provenienti dalla regione. Lo facciamo anche noi all’interno della nostra azienda”, dichiara l’imprenditore, nato a Tubinga.

Durante la sua visita agli allenamenti, Peter Michael Binder ha scoperto altri paralleli: “Entrambe le squadre, BINDER e i Wild Wings, hanno una grande passione per quello che fanno. Ogni volta, hanno a che fare, a modo loro, con il freddo, e vivono tradizione e modernità, nello stesso tempo. Ad accomunarli è anche il tema del successo. “Per la prima volta da 22 anni, i Wild Wings hanno di nuovo raggiunto i pre-playoff nella prima lega, il massimo. Anche noi puntiamo sempre a essere i migliori con le nostre camere di simulazione”, aggiunge Binder, che segue abitualmente gli eventi sportivi.

Per contro, Jürgen Rumrich, manager dei Wild Wings, si è mostrato favorevolmente colpito dall’azienda BINDER con i suoi 400 collaboratori. Si è fatto spiegare in breve il mondo delle camere di simulazione, prima che il collaboratore di BINDER insieme al capo del personale, Uwe Werner, lo conducessero nella stanza dei VIP, la cosiddetta “sala Fürstenberg”. Nel corso della visita dietro alle quinte, non poteva mancare lo spogliatoio dei Wild Wings. Qui vi è stato l’incontro con l’allenatore Pat Cortina, che ha ringraziato l’azienda di Tuttlingen per il suo sostegno.

La sponsorizzazione dei Wild Wings è anche vantaggiosa per i collaboratori di BINDER. Così, con un biglietto di ingresso e una sciarpa da tifoso bisogna premiare soprattutto i dipendenti che hanno voglia di impegnarsi. Occorre farlo: molto indicato non solo per i Wild Wings, ma anche per BINDER a Tuttlingen.