BINDER realizza una pagina informativa sulle camere climatiche per test di stabilità

Aprile 2018 Saperne di più degli altri

Tutti i dettagli importanti da sapere sulle camere climatiche per test di stabilità

 

Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sulle camere climatiche per test di stabilità, lo trovate ora nella nuova pagina informativa di BINDER. I nostri esperti hanno concentrato in una pagina tutte le informazioni relative a questo utile apparecchio di prova. Che si tratti di test di lunga durata conformi agli standard, test sui materiali o di invecchiamento, le camere climatiche per test di stabilità di BINDER sono dei veri e propri multitalenti. 

 

Vale proprio la pena di dare un’occhiata, magari anche due o tre, a questa pagina tematica. Di particolare interesse sono anche gli esempi di applicazioni pratiche che illustrano come le camere climatiche per test di stabilità sono utilizzate in ambito scientifico e industriale.

Si tratta, da un lato, di medicinali che ottengono l’autorizzazione solo se soddisfano determinati requisiti di qualità. I preparati devono resistere sia alle basse temperature che a quelle alte. Inoltre, si verifica se dopo uno stoccaggio prolungato, siano ancora presenti in essi i relativi principi attivi. In questo modo può anche essere determinata la data di scadenza.

 

Dall'altro, nelle camere climatiche per test di stabilità vengono sottoposte a prova le matite cosmetiche. In questo caso si è sviluppata una procedura di prova a cui ricorrono parecchi applicatori differenti. Le matite vengono stoccate, per dodici settimane, in una camera climatica per test di stabilità, a temperature comprese tra 5° e 50 °C. Successivamente, vengono eseguiti altri test sulla mina della matita. In base ai risultati conseguiti è possibile fare asserzioni sulla qualità del prodotto, e formulare consigli quanto al loro stoccaggio.

Vi interessa saperne di più al riguardo? Allora date un’altra occhiata alla nostra nuova pagina informativa sulle camere climatiche per test di stabilità.