BINDER prende sul serio le esigenze dei clienti

Febbraio 2018 Regolatore con tre nuove caratteristiche

BINDER sviluppa modernissimi regolatori

 

BINDER dimostra ancora una volta di essere all’avanguardia. Sulla base dell’intenso scambio d’opinioni con i clienti di maggior esperienza, è stato possibile sviluppare ulteriormente il controller touch-screen, utilizzato nelle camere climatiche per test di stabilità e anche nelle camere di crescita. Il regolatore, già disponibile sul mercato nei nuovi apparecchi, dispone di tre nuove caratteristiche; le camere fin qui installate possono essere aggiornate mediante un update del software. Oltre alle camere climatiche per test di stabilità, in un prossimo futuro saranno disponibili anche camere climatiche di simulazione ambientale dotate del nuovo e chiaro regolatore touch-screen.

Tutte le impostazioni dell’apparecchio e le funzioni del regolatore possono essere immesse o richiamate in modo semplice e intuitivo. Viene ora da chiedersi: che cosa sa fare in più il nuovo controller? La prima cosa che sovviene al manager di prodotto di BINDER Harald Schädler e al Dott. Ric. Jens Thielmann è il data logger interno. Grazie ad esso, il controller è in grado di registrare tutti i dati per anni ed anni. I dati memorizzati possono essere letti attraverso la porta USB e, cioè, in formato aperto. In tal modo possono essere eseguite approfondite analisi, ad esempio, con MS Excel. La seconda novità è che, in caso di problemi, attraverso il regolatore è possibile eseguire un autotest dell’apparecchio. Con i dati risultanti l’assistenza tecnica di BINDER può eseguire una diagnosi remota, e pianificare un effettivo intervento di assistenza in loco con le necessarie parti di ricambio. Logicamente tutto ciò implica risparmio di tempo e denaro, in quanto il tecnico può concentrarsi direttamente sul problema rilevato per risolverlo.

E non è ancora tutto: il regolatore dispone anche di un indicatore del tempo intercorso. Una volta raggiunto un determinato numero di ore, viene visualizzata la scadenza di un intervento di manutenzione. E il cliente di BINDER ha un’altra preoccupazione in meno.